giovedì 23 settembre 2010

Zret, non sei nessuno!!


Tratto da "Il mistero buffo del signor burocratese"
22 settembre 2010
di Gian Antonio Stella (da il Corriere della Sera)

Come fa a essere «meridianamente epifanica l’indifferenza contenutistica»? La domanda toglie il sonno da giorni ai dipendenti del comune di Ariano Irpino che hanno avuto la fortuna di imbattersi nella lettera protocollata 15547 e firmata dal nuovo segretario generale Vincenzo Lissa. Un capolavoro assoluto. Un documento che nessun comico al mondo, volendo irridere al burocratese, potrebbe mai scrivere. Eccone, per la delizia del lettore, Alcuni estratti.

«Ho letto lo scritto emarginato in epigrafe con tutta l’attenzione che ha meritato. Nulla più. Vediamo elenticamente perché. Da essa viene in emersione una apodittica concezione del diritto immaginato come un’astrazione da investire acriticamente. Infatti è meridianamente epifanica l’indifferenza contenutistica che implica meccanicisticamente un calco a rime obbligato: la devozione al culto del formalismo idealizzato come un rifugio onirico».

«Tale rifugio svolge “una funzione redentrice”. Ma tutto ciò, come ammonisce un maestro dei nostri tempi, Natalino Irti, produce un meccanismo giuridico “che sospinge verso la nientità del diritto”. Ciò sta a significare, in termini più semplici, come una condotta attizia che è infeconda di effetti è appagante tuttavia per coloro che prefigurano la forma come l’unico stilema da assumere a paradigma della propria attività, in maniera del tutto avulsa dal contenuto e dalla sostanza. Da ciò ne deriva come da logico corollario come il formalismo solchi un canale biunivoco con il nichilismo giuridico. Infatti nichilismo e formalismo sono apparentati da un’intima fraternità. D’altra parte l’esperienza del nulla contenutistico esige il solo rigore formale».

«Dunque, è nel formalismo che si ricerca la salvazione del diritto: infatti abbandonati i contenuti, il diritto è concepito come un’artificialità meccanicistica. In altri termini non si può non rilevare come le panie della scepsi producano anche atti non solo avvinti a un vuoto formalismo, ma anche attratti nell’orbita del conflitto con se stessi (…). Da tutto ciò emerge l’immagine della casa prigione del paradosso: una casa dove le stanze non sono comunicanti e dove i corridoi non portano in nessun luogo “secondo la plastica immagine di Vengher filosofo decostruzionista”».

«D’altra parte non vi è chi non veda come la riproposizione formale di amletismi non è altro che la riproduzione di un vuoto contenutistico, che trova il proprio archetipo nel cavillo che come sosteneva Francesco de Sanctis nel suo Viaggio elettorale “altro non è se non il trionfo della mediocrità”» (…)

«Non è un caso che un magistrale maestro dei nostri tempi, Angelo Falzea, nelle sue ricerche di teorie del diritto tra formalismo e antiformalismo ha arato un diverso percorso: quello del realismo giuridico, l’unica strada aperturista di effetti nell’ottica della universalizzazione del bene comune che ha come epicentro la cura del cittadino. Dunque non può rivelarsi, e questo senza spirito di polemica, come nel caso di specie si ripercorre la tela di Penelope dove il meccanismo del telaio è a geometria sghemba essendo stato modificato il rapporto tra i fili della trama e quelli dell’ordito. Aveva ben intuito Max Weber quando sosteneva che le pubbliche amministrazioni si legittimavano in maniera autopoietica, essendo felici di formalizzare questa loro autoreferenzialità. D’altra parte se c’è l’inesistenza di contenuti è logico porre molta attenzione sulla forma, vero rifugio ottativo…».

12 commenti:

Riccardo (D.O.C.) ha detto...

L'avevo letto, e avevo pensato anch'io la stessa cosa.

BigRedCat ha detto...

Credo lo abbiamo pensato in tanti, Riccardo! ;-)))

Divilinux ha detto...

Allucinante. Zret a confronto sembra mike bongiorno!
:)

STOCAZZO ha detto...

Cittatini di Palomonte e di Contursi Terme e di Uliveti Cetro, affettivamente in queste punti che noi possiamo tutti testimoniare che localo a noi ci ha dato quelli chi noi c'abbiamo saziato da me il primo e affettivamento ci ha trattato, come in questo punto come figli dell'ingenito figlio. E como ca'! Cittadini, io che sono il sindaco abbiamo affettivamente innanzitutto severamenti a ringraziare prima Iddio e poi il popolo che 'nciascolta che noi siam' fiere di rientrari nella nostra famiglia com a tutti EGUALE EGUAGLIANZA DEL POPOLO. E como ca'! Fratello, e' una cosa buona e giusta. Sissignore! Caro fratelli, io vingrazio a coloro che gi e' venut' e ngiaospitat' in questo llocalo. Quali siano le piu' parole ampie respiri fratello, ia che sono il sindaco ringrazzio in queste punti gli uomini della volonta' nostro che veramento hanno contribuito. Sissignore! Cittatino, io vingrazio veramenti allora severamenti prima Iddio e poi a tutti che restaranno loro tranguill'e ffelicita' nella loro coscienza che noi siam' innanzitutti veramente fiere di rientrari nella nostro famiglia com a tutti EGUALE EGUAGLIANZA DEL POPOLO.

I fatti recenti provano che se il generale Helder fosse in vita, sarebbe un grande amico del vicepresidente della Repubblica, infatti il suo operato e' quanto di piu' infelice.
Inoltre noi speriamo in un attacco piu' tollerante cosicche' si abbia una liberta' di societa' che sarebbe democratica, senza se e senza non.
Se il generale Hitler sarebbe in vita, saresse un grande amico del presidente del Consiglio, infatti il suo operato e' quanto di piu' ingiusto.
Noi abbiamo indetto uno sciopero perche' crediamo che questa opposizione e' veramente ingiusta.
Oggi noi abbiamo deciso di protestare perche' sarebbe evidente che speriamo in una maggioranza che fosse meno democratica per una satira che fosse simpatica.
Noi abbiamo deciso di protestare perche' i fatti recenti provano che se il colonnello Helder fosse in vita, non si comporteresse diversamente dal vicepresidente della P2, infatti il suo governo e' quanto di piu' inevitabilmente illegale, senza percio' e senza ma.
Noi proponiamo una globalizzazione piu' liberale per un paese meno liberale senza dunque e senza dunque.
E' per questa ragione che oggi protestiamo. E tutti quanti gridiamo: "In galera!!"

E quindi introduco le nuove:
Prevenzione dell'inquinamento atmosferico
e per la tutela dei cittadini
anno 2011

La Giunta Comunale del comune di STOCAZZO

D E L I B E R A

•il DIVIETO moderato di circolazione nel territorio comunale, tutti i giorni, dal canto del gallo all'ora di merenda, alle seguenti categorie di veicoli:


•barche
•pullman, di cilindrata superiore a 643 cc, guidati da conducenti nati sotto il segno dei Pesci, con targa avente numeri primi tra loro, con a bordo piu' di 6 passeggeri
•riscio', a vela, destinati al trasporto merci fino a 3,9 tonnellate, a 92 raggi per ruota
•slitte

STOCAZZO ha detto...

Cittatini di Palomonte e di Contursi Terme e di Uliveti Cetro, affettivamente in queste punti che noi possiamo tutti testimoniare che localo a noi ci ha dato quelli chi noi c'abbiamo saziato da me il primo e affettivamento ci ha trattato, come in questo punto come figli dell'ingenito figlio. E como ca'! Cittadini, io che sono il sindaco abbiamo affettivamente innanzitutto severamenti a ringraziare prima Iddio e poi il popolo che 'nciascolta che noi siam' fiere di rientrari nella nostra famiglia com a tutti EGUALE EGUAGLIANZA DEL POPOLO. E como ca'! Fratello, e' una cosa buona e giusta. Sissignore! Caro fratelli, io vingrazio a coloro che gi e' venut' e ngiaospitat' in questo llocalo. Quali siano le piu' parole ampie respiri fratello, ia che sono il sindaco ringrazzio in queste punti gli uomini della volonta' nostro che veramento hanno contribuito. Sissignore! Cittatino, io vingrazio veramenti allora severamenti prima Iddio e poi a tutti che restaranno loro tranguill'e ffelicita' nella loro coscienza che noi siam' innanzitutti veramente fiere di rientrari nella nostro famiglia com a tutti EGUALE EGUAGLIANZA DEL POPOLO.

I fatti recenti provano che se il generale Helder fosse in vita, sarebbe un grande amico del vicepresidente della Repubblica, infatti il suo operato e' quanto di piu' infelice.
Inoltre noi speriamo in un attacco piu' tollerante cosicche' si abbia una liberta' di societa' che sarebbe democratica, senza se e senza non.
Se il generale Hitler sarebbe in vita, saresse un grande amico del presidente del Consiglio, infatti il suo operato e' quanto di piu' ingiusto.
Noi abbiamo indetto uno sciopero perche' crediamo che questa opposizione e' veramente ingiusta.
Oggi noi abbiamo deciso di protestare perche' sarebbe evidente che speriamo in una maggioranza che fosse meno democratica per una satira che fosse simpatica.
Noi abbiamo deciso di protestare perche' i fatti recenti provano che se il colonnello Helder fosse in vita, non si comporteresse diversamente dal vicepresidente della P2, infatti il suo governo e' quanto di piu' inevitabilmente illegale, senza percio' e senza ma.
Noi proponiamo una globalizzazione piu' liberale per un paese meno liberale senza dunque e senza dunque.
E' per questa ragione che oggi protestiamo. E tutti quanti gridiamo: "In galera!!"

E quindi introduco le nuove:
Prevenzione dell'inquinamento atmosferico
e per la tutela dei cittadini
anno 2011

La Giunta Comunale del comune di STOCAZZO

D E L I B E R A

•il DIVIETO moderato di circolazione nel territorio comunale, tutti i giorni, dal canto del gallo all'ora di merenda, alle seguenti categorie di veicoli:


•barche
•pullman, di cilindrata superiore a 643 cc, guidati da conducenti nati sotto il segno dei Pesci, con targa avente numeri primi tra loro, con a bordo piu' di 6 passeggeri
•riscio', a vela, destinati al trasporto merci fino a 3,9 tonnellate, a 92 raggi per ruota
•slitte

frankbat ha detto...

Mi sono slogato il cervello, ma un senso in quello scritto proprio non riesco a vederlo.
Qualcuno c'e' riuscito?

theDRaKKaR ha detto...

scusate ma l'hanno arrestato l'autore spero!!!

theDRaKKaR ha detto...

ma è reale o uno scherzo come quella di Palomonte?

BigRedCat ha detto...

Tragicamente Reale. Era una lettera per la stabilizzazione di un paio di lavoratori socialmente utili.

Gianni Comoretto ha detto...

Tradotto in italiano dice che scrivere testi (giuridici) ampollosi e scollegati da un''utilità concreta è un'attività inutile e masturbatoria.
Un elegantissimo caso di autoreferenzialità.

Hedges ha detto...

Mah, secondo me è stato scritto così apposta, per far capire a chi lo ha letto che è inutile scrivere aulizzando tutto, nascondendo i non concetti dietro a parole altisonanti.
Questo signore ha preso per i fondelli quelli a cui era destinata la lettera, e questa frase riassume tutta la patacca: "D’altra parte l’esperienza del nulla contenutistico esige il solo rigore formale"
Quale metodo migliore per sbeffeggiare che quello di atteggiarsi ad imitare il deriso?

lserni ha detto...

Lettera veramente notevole, ma secondo me l'esperienza del nulla contenutistico avrebbe fatto meglio a esigere anche un paio di congiuntivi.